Comune di Vajont

Ricerca rapida


< vai al contenuto centrale




Il tuo percorso: Ti trovi qui: Comune di Vajont > Informazioni > La Storia

Questa pagina nasce per far conoscere il piccolo Comune di Vajont

La storia in breve

Nel 1957 la SADE di Venezia presenta il progetto definitivo per la costruzione della diga del Vajont, nell’omonima valle in cui confluivano le acque provenienti dai bacini e serbatoi situati nella valle del Fiume Piave, dando il via ai lavori, completati in soli due anni nel 1959.

La diga del Vajont è una imponente e indiscussa opera di grande ingegneria: una costruzione a doppio arco alta 264,6 metri che era la più grande del mondo nel suo genere.

L’anno successivo all’ultimazione dei lavori iniziò il collaudo con il riempimento del serbatoio: già il primo invaso mise in luce una generale instabilità delle sponde del lago, i cui versanti, in particolare il sinistro, erano interessati da segni di movimento quali alberi inclinati, profonde fessurazioni del terreno e fenditure sui muri delle abitazioni.

La notte del 9 Ottobre 1963, data del Disastro del Vajont, segna la storia delle genti di questo paese: una frana di oltre 270 milioni di metri cubi, con un fronte superiore di due chilometri, una larghezza non inferiore ai cinquecento metri e una altezza di circa duecentocinquanta, precipitò nel bacino artificiale con una velocità stimata intorno ai cento km/h. La forza della massa franata creò un’onda che non risparmiò nulla e il giorno dopo il paesaggio si presentava completamente bianco e completamente vuoto, lasciando sepolte le circa 2000 vittime della catastrofe.

La maggioranza degli sfollati fu insediata qui, nell’area agricola del maniaghese, “Località Bosco dell’Impero”, a circa 50 chilometri dall’abitato precedente, ove nel Dicembre del 1966 fu posata la prima pietra del nuovo paese, che vedeva coabitare per la prima volta insieme ertani e cassani: fu scelto il nome Vajont in memoria della Valle e del disastro.

Quello che molti non sanno è che, sciolto il vecchio comune di Erto e Casso, con la stessa legge 22, del Giugno del 1971, il giorno 10 Luglio 1971, si sottoscrive l’istituzione di due Comuni, legati dalle stessi genti, dalla stessa cultura, dalla stessa storia e dalle stesse tradizioni: quello attuale di Erto e Casso, e quello appunto di Vajont.

Nasce così Vajont, unico nella storia, unico nelle genti e nelle tradizioni intrecciate, unico nel caratteristico aspetto urbanistico regolato dalla necessità di una edificazione organizzata e veloce per dare una casa a coloro che ne avevano bisogno, mantenendo requisiti all’avanguardia di abitabilità, vivibilità e un eccezionale rapporto con il verde essendo le genti di questo nuovo insediamento abituate ai prati di montagna, ai boschi e al verde intorno a sé.

Ad oggi si presenta un paese multietnico, insieme tradizionale e moderno, in cui culture di genti diverse si fondono e si ripropongono: vivibile e tranquillo offre molte possibilità, che questa pagina vuole farvi scoprire!